Le reti di reclutamento del terrorismo offrono finti contratti di lavoro per attrarre i giovani disoccupati del Nord Africa.

24/10/2015 08:31Letture: 210

Cartoon_ISIS

Il quotidiano algerino Echorouk ha recentemente pubblicato sul proprio sito web un articolo esclusivo che porta all’attenzione una nuova tattica elaborata dalle organizzazioni terroristiche, in particolare da ISIS, per reclutare combattenti tra le folte file dei giovani disoccupati in Nord Africa.

Il quotidiano riporta che “l’apparato dell’antiterrorismo algerino ha iniziato a combattere le reti di reclutamento che mirano a convincere con l’inganno i giovani disoccupati ad unirsi alle organizzazioni terroristiche in Siria, Iraq e Yemen, utilizzando contratti di lavoro falsi”. Le fonti dello stesso quotidiano hanno riferito che “finti uomini d’affari contattano i salafiti sfruttando applicazioni come WhatsApp e Viber, tramite cui vengono inviati falsi contratti di lavoro come autista o altre posizioni in un dato paese arabo, aiutandoli ad ottenere visti e perfino biglietti aerei per poi metterli in contatto con le organizzazioni terroristiche attive nella regione”.

Riportando la testimonianza di un gruppo di giovani algerini disoccupati che hanno riferito di aver ricevuto via WhatsApp e Viber offerte di lavoro (che non hanno accettato perché resisi conto che si trattava di un inganno), il quotidiano algerino segnala che questa nuova tattica di adescamento “non prende di mira soltanto salafiti, ma anche giovani disoccupati disperati” del Nord Africa.

Da tempo l’organizzazione terroristica guidata da Abu Bakr al-Baghdadi ripone particolare interesse in quello che considera un importante bacino di reclutamento, i giovani arabi disoccupati, cui l’ISIS offre dei veri e propri stipendi per convincerli ad andare a combattere in Siria, Iraq e Libia. È evidente come questa strategia abbia gioco facile fornendo la prospettiva concreta di un salario laddove invece questa prospettiva è assente o difficilmente realizzabile (per avere un quadro complessivo del tasso di disoccupazione giovanile in Nord Africa è possibile visitare il sito del World Bank).

L’esperto algerino in movimenti islamisti Ahmed Mizab, intervistato da Echorouk, ha correttamente evidenziato che “i metodi tramite cui sono reclutati i jihadisti vengono regolarmente cambiati per sfuggire ai controlli degli apparati di sicurezza”. A questo proposito, segnaliamo che l’emittente britannica BBC ha riferito che “il 26 settembre l’ISIS ha annunciato su Twitter il lancio di un proprio canale sulla nuova app Telegram”. Questa diversificazione dei canali di propaganda e di reclutamento, adottata anche da altre organizzazioni terroristiche come Ansar al-Sharia in Libia e AQAP (Al-Qaeda nella Penisola arabica), risponde a una duplice finalità: sfuggire al monitoraggio dei social media tradizionali (Facebook e Twitter) da parte dei servizi di sicurezza internazionali ed amplificare la portata del proprio messaggio.

Per affrontare le sorprendenti capacità dimostrate dalle organizzazioni terroristiche nello sfruttare le nuove tecnologie per far presa sulle giovani generazioni e, in particolare, sulle fasce più deboli e svantaggiate della popolazione, è necessario che i paesi arabi (e non solo) adottino un approccio proattivo in grado di contrapporsi a queste organizzazioni sia sul fronte del contrasto dei contenuti jihadisti sui canali social sia su quello economico-sociale.

Tags:

Scrivi un Commento


Per offrirti una esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, questo blog utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti. Cliccando «Ok» acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Informativa sulla Privacy | Ok